Il miglior amico dell'uomo? Il cibo.

L'alimentazione è il primo passo verso la salute fisica ed emotiva.

Carrube

In Italia  la carruba viene coltivata e lavorata principalmente al Sud in particolare in Sicilia infatti dalla provincia di Ragusa arriva circa il 70% della produzione nazionale mentre la sua  coltivazione e lavorazione avvengono anche in provincia di Siracusa.

La carruba è il frutto dell’albero del carrubo che produce dei baccelli che somigliano a quelli dei fagioli. Al loro interno ci sono i semi che sono pesanti e duri infatti vengono essiccati e macinati per produrre la farina di carruba.

A renderla speciale  è il suo contenuto di proteine, vitamine in particolare  E ,C (in maggiore quantità),B e K e sali minerali come calcio, zinco, potassio e fosforo.

L’apporto calorico di questo frutto è di 207 cal per 100 gr di prodotto, ed è consigliato a chi segue una dieta dimagrante in quanto il suo alto contenuto di fibre aiuta a raggiungere il senso di sazietà.

I benefici che si possono trarre da questo alimento sono molteplici:

-la polpa ha un azione lassativa, mentre la farina ha proprietà astringenti;

-è un ottimo alleato per prevenire l’osteoporosi, grazie al suo contenuto di calcio e fosforo;Aiuta ad abbassare il livello di colesterolo nel sangue;

-è privo di glutine, infatti può essere consumato anche da chi soffre di celiachia;

-ha proprietà antiossidanti: infatti i polifenoli estratti dai suoi baccelli aiutano a  contrastare l’attività dei radicali liberi;

-è considerato un antiacido: le tisane di carrube sono indicate per chi soffre di gastriti in quanto svolge un’ azione antiacido sulle pareti dello stomaco;

-il decotto di questo frutto invece è molto efficace per i disturbi dell’apparato respiratorio;

-le foglie inoltre hanno un’azione antibatterica in quanto contrastano le intossicazioni alimentari che riescono a resistere anche agli antibiotici classici.

Controindicazioni

La carruba non ha alcun effetto collaterale  se assunta in dosi non eccessive. Può provocare solo lievi disturbi intestinali a causa della sua grande quantità di fibre provocando  nausee,spasmi e diarrea nelle presone più predisposte.

Come consumarla

Si può gustare sia fresca che secca e grazie al suo sapore dolciastro è indicata per la preparazione di dolci( biscotti,ciambelle,torte,budini,creme,frullati e gelati). Il suo sapore è simile al quello del cioccolato e si accosta benissimo a frutta fresca e miele.

La farina di carrube in aggiunta al grano duro, può essere utilizzata per preparare la pasta come gnocchi,ravioli e risotti.

In Sicilia è molto diffuso il liquore e le caramelle di carruba mentre in Grecia viene consumata come sciroppo in aggiunta alle arance.

 

Annunci

2 commenti su “Carrube

  1. giovanna
    13 gennaio 2017

    Conosco bene questi frutti ma non penso che si possano mangiare cosi al naturale, troppo duri, la farina anche qui In Sicilia non si trova facilmento o meglio nella mia zona non l’ho mai vista, so che la usano come addensante in gelateria.

  2. mariagnese
    16 gennaio 2017

    Il consumo di carrube fresche è legato a ricordi d’infanzia, i miei nonni le sgranocchiavano di tanto in tanto, oggi si utilizza la farina che se ne ricava. In Sicilia sono molto famose le caramelle alla carruba!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Follow Il miglior amico dell'uomo? Il cibo. on WordPress.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: